"stylish alternative"

Per moda, per solidarietà. I charity shop di Londra

Abiti e scarpe vintage ma anche libri e dischi rari. Un percorso attraverso il mondo fashion
e solidale della capitale inglese

di Chiara Beghelli

Rating:
3.7
Rating 3.7

Tags: Londra, charity, fashion, musica, sviluppo sostenibile , vintage


Era il 1941, Londra era stata bombardata dai nazisti. Per sostenere i cittadini la Croce Rossa, al 17 di Old Bond Street, apriva il primo charity shop della storia. E, a distanza di sessantacinque anni, la capitale inglese non ha perso il suo primato nei negozi di charity. Molti sono nascosti, altri hanno luminose vetrine nei quartieri più posh, tutti celano tesori per chi ama ricreare autentiche atmosfere vintage, desidera qualcosa di raro ma con un'anima, e in ogni caso vuole spendere le sue sterline in negozi che le ridistribuiranno secondo il criterio del bisogno e non del profitto. Senza dimenticare, tuttavia, la dimensione fashion. Il risultato è una contaminazione battezzata "cheap chic", "throwaway fashion" o "stylish alternative" che si respira un po' in tutta la città.
Ci sono luoghi per i fashion addicted, come il Marie Curie Cancer Care shop, all'1 di Lichfield Terrace, nel quartiere di Richmond, dove trovare creazioni di Chloé, Gucci, Prada, Valentino e borse Mulberry. Spostandosi a Chelsea, c'è il British Red Cross (al 67 di Old Church Street), il charity shop al quale Manolo Blanhik e Catherine Walzer, che abitano nel quartiere, donano le loro creazioni originali. Invece Nicole Fahri, ogni due mesi, fa una generosa donazione a Crusaid (19 Churton Street, quartiere di Westminster) che ha anche un'ottima selezione di libri e musica. Lo scorso Natale, infatti, la Emi ha relegato più di mille cd di jazz. Dalle parti di Portobello, al 61 di Westbourne Grove, si trova invece Traid (un'organizzazione che finanzia progetti di sviluppo sostenibile nelle zone più povere del pianeta), prediletto da stilisti e giornalisti e lodato dal sindaco ecologista Ken Livingstone.
Per il puro vintage è meglio fare rotta verso il Salvation Army al 9 di Princes Street, dietro Oxford Circus e a due passi da Mayfair: magnifici i sandali anni Settanta e le pellicce ecologiche, i cappotti long-size e le pochette da sera. Se invece si cercano libri – vecchie o nuove edizioni – un'ottima selezione si può trovare all'Oxfam di Hampstead (61 Gayton Road), un negozio gestito dall'organizzazione che con i suoi volontari sostiene progetti di aiuto in 30 paesi. Un altro interessante Oxfam è al 71 di New Bond Street: è esclusivamente dedicato al menswear, con abiti di Herbie Frogg, Hugo Boss e Gieves & Hawkes.

pagina 1 di 1




Moda
gallery blog
archivio notizie archivio speciali
titoli tags
Yoox MyPrestigium


 

RT @fdecesareviola: .@MarieLouiseScio : "La mia ricetta per gli hotel di lusso" @pellicanohotels @24luxury @marcobolasco https://t.co/6AyOw

195 giorni fa |