stile

René Gruau, icona di eleganza e sensualità

Una mostra a Rimini e un libro per festeggiare il primo illustratore di moda

di Giovanna Canzi



Pennellate nere dal tratto sicuro e ardito, da cui nascono figure e oggetti del desiderio di eterna allure. Donne filiformi, dall'iconografia quasi espressionista, che interpretano un modello di eleganza senza tempo. La sensuale raffinatezza delle stampe giapponesi e lo sguardo di Toulouse-Lautrec nell'affrescare segni, che esprimono l'essenza di una società. Tutto questo fu Renato Zavagli Ricciardelli, passato alla storia come René Gruau. Oggi nel centenario della sua nascita (1909-2009) una mostra - «Gruau e cent'anni di Moda» al Museo della Città di Rimini - e un volume - «Gruau e la moda. Illustrare il Novecento», Silvana Editoriale, a cura di Elisa Tosi Brandi - rendono omaggio a chi fu fra i primi a illustrare la moda, facendo del suo segno una vera e propria opera d'arte. Ripercorrere la sua vita, cominciata a Rimini, dove nacque da una famiglia aristocratica, e trascorsa fra Milano, Roma, Parigi e Cannes, significa attraversare un intero secolo, scoprendo le tappe di una società in forte mutamento.
Prima illustratore di moda e poi disegnatore di cartelloni pubblicitari, Gruau ha legato il suo nome, una «G» maiuscola sormontata da una stella, alle più importanti riviste del tempo e alle firme più prestigiose dell'Haute Couture. Esordì appena quattordicenne, quando per contribuire economicamente al mantenimento suo e dell'amatissima madre - donna affascinante e inquieta che ben presto mise fine al suo matrimonio con il conte Alessandro - abbandonò il suo sogno di diventare architetto e iniziò a disegnare. Il suo ingresso nel mondo patinato della moda è a Milano, grazie a Vera Rossi Lodomez, che lo introduce nella rivista Lidel. Il giovane inizia a frequentare le grandi sartorie milanesi, disegnando i figurini scelti dalla redazione.
Da Lidel a Eva, Dea, Donna, Sovrana, Fortuna, i magazine con cui collabora si moltiplicano e Renato, che abbandona il cognome del padre per assumere quello della madre come nome d'arte, parte alla volta di Parigi, dove stringe altre innumerevoli relazioni. Qui, oltre a collaborare con Le Figaro, Marie Claire, Vogue, Très Chic, conosce Christian Dior, di cui diventa intimo amico, e per il quale lavora, contribuendo a dare forma alle creazioni del New Look del re della moda. Di questo periodo le opere di grafica pubblicitaria per i profumi Miss Dior e Diorama. Un cigno adagiato sull'acqua, il cui esile collo è cinto da un collier di perle e un fiocco scuro o una mano affusolata adagiata sulla zampa di un leopardo: immagini di una soffusa eleganza, che esaltarono la sensualità del marchio. Intenso anche il suo rapporto con i più grandi protagonisti del tempo, sia che fossero a Parigi, Roma o Milano. Da Albe Steiner a Beppe Modenese, da Maria Pezzi ai Fratelli Rossetti, che per il centenario oggi rieditano le calzature femminili e maschili ritratte dall'artista nel sacchetto da lui realizzato, fino a Laura Biagiotti, per cui sarà come un «Andy Warhol personale», capace di interpretare il secolo con un segno immediato e inconfondibile.

Gruau e cent'anni di Moda
A cura di Maria Giuseppina Muzzarelli ed Elisa Tosi Brandi
Museo della Città di Rimini
Fino al 13 aprile 2009

Gruau e la moda. Illustrare il Novecento
Silvana Editoriale, a cura di Elisa Tosi Brandi
Testi di Réjane Bargiel, Joëlle Chariau, Bonizza Giordani Aragno, Francesca
Iaconisi, Gianluca Lo Vetro, Adelheid Rasche, Elisa Tosi Brandi, Marco
Urizzi, Alessandra Vaccai
Euro 25,00

pagina 1 di 1





Moda
gallery blog
archivio notizie archivio speciali
titoli tags
Yoox MyPrestigium


MONDO LUXURY

TOP FIVE

I look di Alessia Marcuzzi
Dall'abito Versace della prima puntata ai vestiti delle precedenti edizioni

Week-end unici per l'estate
Mare, lago, montagna: ecco dove passare un perfetto weekend d'estate in Italia con l'aggiunta di ...

 

Solitudine e relax, 10 isole tutte per voi / Nella Polinesia di Marlon Brando - Il Sole 24 ORE http://t.co/Vz4TEQKy4p via @24luxury

72 giorni fa |

Allo Shangri-La di Londra il cielo a portata di mano - Il Sole 24 ORE http://t.co/VoIu3z4WJe via @24luxury

72 giorni fa |