london design festival

Tom Dixon tutor dei giovani designer

Sedie antiche rivisitate in chiave electro, oggetti retro, tanto hi-tech e un padrino d'eccezione. Parte il London Design Festival

di Serena Danna

Rating:
4.0
Rating 4.0

Tags: hi-tech, design, Creatività



Sedie antiche rivisitate in chiave electro dove mogano fa rima con neon, oggetti domestici retrò e la fedele carrellata di hi-tech d'avanguardia. A Londra parte il 15 settembre il festival di design più divertente d'Europa.
Quest'anno l'LDF- acronimo "allucinogeno" per London Design Festival- può contare su un padrino d'eccezione per l'iniziativa «100% Design»: Sir Tom Dixon. II designer inglese (nato a Tunisi) è stato scelto come direttore creativo della sezione del festival dedicata all'interior design. Dixon, lanciato nel '89 dall'italiana Cappellini per cui progettò la sedia «S-Chair» (ora parte della collezione permanente del Moma-Museum of Moden Art di New York), «designer of the year» nel 2006 per il London Design Museum (commentò il premio dicendo: «Credo fossero rimasti a corto di nomi»), porterà al «100% design» la sua nuova collezione e un'istallazione luminosa ed ecosostenibile a Trafalgar Square.


I 35 mila visitatori annunciati a Earls Court ammireranno le creazioni delle sorelle sudcoreane «Jackie Choie», a Londra con «Fontana Sideboard», una credenza ispirata al pittore futurista Lucio Fontana, e il candelabro «So Pewter candelabra» che segna per Jackie e Choi (l'una con un passato da designer di mobili, l'altra cresciuta nel mondo della moda) un nuovo passo nel percorso di «riqualificazione» di oggetti dimenticati, iniziato al Salone del Mobile di Milano con «So coat stand».
Non può non incuriosire il progetto «Shimashima» che mette insieme cinque giovani designer provenienti da Giappone, Svezia e Gran Bretagna: per il "Future 100%" propongono in un ambiente casalingo costruito ad hoc il loro personalissimo sguardo sull'universo domestico fatto di colore, sorpresa, gioco e nostalgia.

Una visita merita sicuramente «Conversational Spanish2» che porta a Londra il meglio dei nomi del freschissimo design spagnolo. A testimonianza della revolucion artistica che sta attraversando il paese saranno esposti i lavori irriverenti di dieci creativi provenienti da Barcellona, Madrid e Valencia. Ma, attenzione: il vero obiettivo della mostra, come ha dichiarato il curatore, il designer Hector Serrano, è dimostrare che la Spagna non sa produrre solo idee ma anche prodotti commerciali e innovativi. Creatività al potere sì, ma per l'industria.


Da Earls Court ci si potrà spostare nel cuore asiatico di Londra per il debutto del designer Lee Broom nel mondo dei complementi d'arredo. Tra mercati di fiori e profumi di Bangladesh, trovano dimora alla «Brick Lane Gallery» le attesissime «Electric Louis», sedie barocche che rivivono grazie alla neon art, con le superfici laccate che esplodono in divertenti giochi di luce. Ma Lee non ha pensato solo alle sedie: «invase» dal neon saranno anche specchiere, bacheche, specchi e una console antica. Chissà se il designer conosce gli «Arcade Fire». Per il nuovo album, il gruppo indie-rock canadese ha scelto un titolo e un'immagine che gli piacerebbero tanto: la bibbia al neon. E l'album si chiama proprio così: «Neon Bible».

www.londondesignfestival.com

www.100percentdesign.co.uk

www.tomdixon.net

www.jackiechoi.com

www.hectorserrano.com

www.leebroom.com

www.arcadefire.com

www.neonbible.com

pagina 1 di 1




Moda
gallery blog
archivio notizie archivio speciali
titoli tags
Yoox MyPrestigium


MONDO LUXURY

TOP FIVE

La Jaguar E-Type compie 50 anni
Un video con le immagini di mezzo secolo di storia della mitica auto, da Grace ...

Orologi Casinò

 

RT @fdecesareviola: .@MarieLouiseScio : "La mia ricetta per gli hotel di lusso" @pellicanohotels @24luxury @marcobolasco https://t.co/6AyOw

200 giorni fa |